MASSAGGIO METAMORFICO

 

 

IL MASSAGGIO CHE TRASFORMA

 

Questa tecnica chiamata inizialmente “terapia prenatale”, fu ideata negli anni ’50 dal Naturopata e Riflessologo inglese Robert St. John e migliorata poi dal suo allievo e collaboratore Gastone Saint-Pierre, che fu colui che la chiamò “tecnica metamorfica”.

Scoprì che sul riflesso della colonna vertebrale nel piede è “iscritta” la gestazione dell'essere umano (periodo prenatale).

 

massaggio metamorfico

 

Questa tecnica scioglie eventuali nodi, tensioni, traumi, blocchi energetici ed emotivi del passato, quelli subiti dal feto nel periodo della gestazione memorizzati nel midollo spinale che hanno dato forma ai nostri schemi fondamentali di comportamento e di salute influenzando tutta la nostra esistenza.

 

Il massaggio creando degli stimoli, fa in modo che la persona trattata “trasformi” il suo rapporto con la vita nel modo giusto permettendo cosi “al bruco di diventare farfalla”, procurandosi spontaneamente l'autoguarigione e uno sviluppo della propria coscienza.

 

COME VIENE EFFETTUATO

 

Il massaggio metamorfico non è un vero e proprio massaggio, ma consiste semplicemente in un leggero e lento sfioramento eseguendo anche delle leggere vibrazioni nell'arco interno del piede (zona riflessa della colonna vertebrale), partendo dalla punta dell’alluce (dove è registrato il momento del concepimento) e arrivando al tallone (che corrisponde al punto della nascita).

 

Questa tecnica si ripete poi sulle mani (parte esterna del pollice) e sulla testa (zona centrale), andando a lavorare sempre sulla zona riflessa della colonna vertebrale.

 

È consigliato a tutti, a tutte le età e non ha controindicazioni.